papo Iacopo Vettori
Skip Navigation Links
Home page
RecitazioneExpand Recitazione
ProgrammazioneExpand Programmazione
FilosofiaExpand Filosofia
Parenti e amiciExpand Parenti e amici
Libri, cinema e passatempiExpand Libri, cinema e passatempi
Commenti e comunicazioniExpand Commenti e comunicazioni
Skip Navigation Links. Skip Navigation LinksHome page : Recitazione : Poesie Szymborska : Terrorista che guarda

Terrorista che guarda

 

Guarda il file video wmv di 6.7MB (3'55")
Nota tecnica sul video: Ho aggiunto un'immagine di sfondo usando l'effetto "chroma key" ingrandendo molto una parte di foto fatta casualmente con il cellulare. Dato il tema della poesia, ho preferito ritoccare la foto in modo che non si possa riconoscere il luogo. Inoltre ho registrato alzando molto il volume del microfono in modo da aumentare anche il fruscio e i rumori di fondo, che creano un clima di tensione. Infine, poiché proprio alla fine della registrazione stava passando una moto, ho tagliato l'audio appena dopo l'ultima battuta, e non so bene come si è anche bloccata l'immagine, o forse ero io che sono rimasto immobile, ma insomma ho deciso che questo effetto di immediato silenzio e immobilità dopo l'ultima battuta risulta ideale per gelare il sangue come se si udisse il fragore della bomba.


La bomba scoppierà nel bar alle tredici e venti.
Adesso sono solo le tredici e sedici.
Alcuni faranno in tempo ad entrare,
Altri a uscire.

Il terrorista ha già attraversato la strada.
Questa distanza lo tiene in salvo dal pericolo,
e la visuale è proprio come al cinema.

Una donna con la giacca gialla, ecco entra.
Un uomo con gli occhiali scuri, lui esce.
Dei ragazzi in blue jeans se ne stanno a chiacchierare.
Le tredici diciassette minuti e quattro secondi.
Il più basso ha fortuna e salta sullo scooter,
quello più alto entra dentro.

Ore tredici e diciassette e quaranta secondi.
C'è una ragazza col nastro verde tra i capelli.
Ma ecco che l'autobus ne impedisce la vista.

Ore tredici e diciotto.
Non c'è più la ragazza.
Ma se è stata così sciocca da entrare,
lo si vedrà quando li porteranno fuori.

Ore tredici e diciannove.
Beh, non esce nessuno.
Ma ecco che esce ancora un uomo grasso e calvo.
Però, così, come se stesse cercando qualcosa per le tasche e
alle tredici e venti meno dieci secondi
rientra a veder se trova quei suoi miseri guanti.

Sono già le tredici e venti.

Ma come va piano il tempo.
Ecco, forse ora.
No, non ancora.
Sì, adesso.
È la bomba che scoppia.

 

Wislawa  Szymborska, 1976
da “Wielka Liczba” (Grandi Numeri) 

(traduzione di Alessandra Czeczott)